mercoledì 1 agosto 2018

A chat in Val San Nicolò with Hans-Jörg Auer


On July 28th, in the Dolomites region, during the The North Face Mountain Festival, I had the honour to exchange ideas and gather info on both the latest achievements and the way to approach alpinism of a great Austrian athlete: Hans-Jörg Auer.






After a big achievement, you have to wait a bit of time to realise how good was it.

It's easier to become a good climber than an old one.



Question 1.)    Hi Hans Joerg, well you just got back from another amazing, wild, brutal expedition, the Summit the Lupghar Sar West, on the region of Karakorum, in Pakistan. Please can you tell us about this?

HJA Last 4 years I have been looking for new adventures and I found this Project Lupghar Sar west face - Karakorum. I always checked this mountain for a sort of Project, but the right moment never arrived. Then this year, this spring it happened, I planned to go with my friend Alex Bluemel, but he had to stop because he didn't feel 100% well.

Question 2.)    In realizing such a "wild" expedition, in a place that is really unknown, which are the most important things to take into account? How was it? Satisfied about the results?
HJA At the end I'm really happy. Everything run smoothly: I was there for four and a half weeks. It's totally different than to climb in a team, you are even more exposed in high altitude.


Question 3.)    How do you handle your fears in this situations? I have been this winter in Alaska and I had such a powerful experience in finding myself in such remote and desolated land. What were your feeling in pushing the summit of the Lupghar Sar West?

HJA Yes, when you are solo you are more exposed, but you move light and fast and you feel even stronger. There is nobody else around. This kind of experience opens even more possibilities for me for the future.


Question 4.)    You have done some extraordinary expeditions: which one is the most important for you? And which the most thrilling one?
HJA I think that in your life you don't have 30-40 highlights, highlights are rare, I have had just few highlights. I'm not comparing this with that amongst expeditions. Every expedition has got something. I have done few and each had its own feelings. However, Fish (Marmolada) solo, maybe the best. Also a few I did with my brother were really impressive. Third, of course the Lupghar Sar, but I need to wait: after a big achievement, you have to wait a bit of time to realise how good was it.


Question 5.)    Changing topic completely, alpinism has become for some aspects an "high profitable business". You can see thousands of people trying to summit the Everest even if they are not prepared… You on the other side have devoted your entire life to study and train yourself on the mountains. What are your thoughts about this situation?

HJA For me this is a different discipline. Now, as of today, we have more than 30 climbers on top of K2. But the same people on a 6000 or 7000meters without fixed ropes or oxygen mask would have no chances.
Some people like the first, some people like the second. Nobody has got the right to judge, just because I'm now a strong climber I do not have the right to judge.
They can do what they want, everybody is free, who am I to tell people what they have to do? I'm not in a position to judge.


Question 6.) You were a teacher, you wrote books, how your academic background is of help in preparing and communicating to the vast audience your adventures?

HJA I like the work behind climbing. I like to write things about expeditions, I like to study a lot, writing my stories, writing about mountains. I'm reflecting a lot.
It's important to know the past. Nowadays young generation, young climbers are focused more on difficulties, instead they should understand the achievements of the past.
A Young climber doesn't know about the achievements of Reinhold Messner and this is wrong.


Question 7.) Are you still inspired by someone or by a specific recent event?

HJA Yes, a lot! I'm not defining this game as "new". It's very old. We have better weather forecast. We can fly easier to Karakorum. We have more information, we have contacts everywhere.
But the achievement of them are still amazing, what I want to explain is that achievements of old climbers ae really impressive. Anyway, I'm trying to follow my way, my creativity , my passion.


Question 8.a.) Last year we experienced two extreme events like Alex Honnold Climbing Yosemite's El Capitan solo (i.e. Without a Rope) and Adam Ondra climbing the first 9c ever in Flatanger-Norway. How can these events influence the future of climbing? What's your feeling?

HJA It's incredible, you know. If you believe that in Climbing or in Alpinism the top level is achieved you are totally wrong! There will always be achievements that were not imaginable before

Question 8.b.) You didn't say "crazy" You didn't use this word.
HJA If you play honest it's not "crazy". Did I take risk? Yes, I took risk. Maybe I went some steps further than others, but that's all. For me it's still very important to have fun when I go out.
Then you know, it's easier to become a good climber than an old one.


Question 9.) What will be your next adventure?

HJA I'm thinking about opening a new route on Marmolada. I want to focus on climbing.


mercoledì 18 luglio 2018

Zaino Salomon Agile 12 litri


Che incontri sui sentieri!

Fine Luglio 2018: i più fortunati sono orami già in vacanza. E chi è in città sta contando con impazienza i giorni che mancano alla partenza.
In vista dei miei (e vostri) trekking e/o trail medio-lunghi di quest'estate, ho testato nelle ultime settimane uno degli accessori più importanti: l'indispensabile zaino.
Sono partito con l'obiettivo di trovare un modello che potesse contenere non solo la lunga lista di materiali obbligatori richiesti dagli organizzatori, liste che ormai spesso richiedono elementi come i ramponcini, e/o posate e contenitori per il cibo (vedi ad esempio il materiale obbligatorio di UTMB). Ma cercavo anche uno zaino multifunzionale che potesse accompagnarmi anche ai trekking di 2/3 giorni ed in grado di contenere alcune comodità aggiuntive come ad esempio una maglietta di cotone, che dà piacere e sollievo la sera, il sacco da bivacco, un piccolo asciugamano e l'occorrente per l'igiene.
Mi sono quindi indirizzato verso uno zaino di 12litri che offre il giusto balance tra spazio disponibile, peso e ingombro. E nello specifico ho optato per un Salomon Agile 12 litri di un bel colore rosso fiammante che offre anche quel margine di sicurezza in più dato dall'essere visibili ovunque  https://www.salomon.com/it/product/agile-12-set-1.html  


Svelo subito che in questo zaino, oltre a tutto l'occorrente minimo, sono riuscito anche a farci stare anche un secondo paio di scarpe da Trail! La vestibilità e comodità dello schienale del Salomon Agile 12 litri ha fatto si che i 300grammi aggiuntivi delle scarpe e il loro ingombro non avessero alcun effetto devastante, neanche sulla schiena. 
Sono poi andato a verificare l'utilizzabilità tanto della sacca idrica, che quella delle soft-flask. Devo ammettere di essere rimasto favorevolmente impressionato dalle evoluzioni della prima. Per un lungo periodo mi ero rifiutato di usare la sacca idrica a causa dell'impossibilità di verificare quanta acqua fosse rimasta o, peggio ancora, il pensare di averla finita quando invece si era semplicemente arrotolato o piegato il tubo impedendo all'acqua di scorrere. Nella sacca idrica della Salomon per ovviare a questo è stato adottato un piccolo accorgimento tecnico nel punto dell'inserzione del tubo nella sacca idrica che fa sì che il tubo non si strozzi in nessuno modo.


Per quanto invece riguarda le soft flask posizionate negli spallacci dello zaino: queste sono sempre state il mio metodo d'idratazione preferito non solo in gara, nei trekking, ma anche nelle uscite di scialpinismo. Plauso per le tasche anteriori delle soft-flask, tasche del Salomon Agile 12, che essendo qualche centimetro più lunghe del solito garantiscono un'alta stabilità delle borracce.
Lo zaino appare ed è nella sua struttura centrale assolutamente essenziale, senza troppi fronzoli e laccetti. Ma assolutamente funzionale, come tra l'altro è tradizione Salomon. Niente è superfluo, tutto è pratico. Ci sono due tasche laterali basse dove ho trovato comodissimo posizionare i miei due telefoni, uno alla destra e uno alla sinistra, rendendoli così comodamente raggiungibili. Il Salomon Agile 12 s'indossa come un gillet grazie agli ampi spallacci regolabili e alle capienti tasche laterali che si posizionano sul busto per adattare lo zaino perfettamente alla corporatura, quasi come se fosse una seconda pelle. Questa grande capacità di adattarsi al corpo senza muoversi lo rende particolarmente prezioso nel trail running.
Ed è proprio questa vestibilità stabile e confortevole una delle maggiori doti di questo zaino.  
Un piccolo difetto, magari due, li ho trovati anche stavolta. Il primo l'incomprensibile mancanza di fischietto su una delle allacciature centrali: piccola attenzione a chi usa questo zaino in gara, essendo un modello pensato per un vasto tipo di utilizzatori e non solo per i trail runners non è previsto il fischietto, per cui bisogna procurarsene uno.  Il secondo dato dal troppo poco rapido sistema d'aggancio delle allacciature pettorali.

Immancabili utili funzionalità presenti: porta-bastoncini, inserti riflettenti e assoluta impermeabilizzazione nonostante la leggerezza!

Prezzo sul sito ufficiale https://www.salomon.com/it/product/agile-12-set-1.html 100 euro, ma al 15 luglio scontato del 40%.
Pagella:
Essenzialità 9
Design 9
Comodità 9
Sistemi di idratazione 9
Prezzo 9

venerdì 13 luglio 2018

Celtic Trail, UTVdD - domenica 8 luglio 2018







C'è sempre un'emozione particolare nel correre la prima edizione di un trail. Prima di tutto perché non sai assolutamente nulla del percorso: non c'è infatti l'amico che ti dice "io l'ho fatto!" e via che ti elenca tutti i dettagli. Non puoi contare neppure sulle poche informazioni che hai perché i numeri relativi ai chilometri e al dislivello infatti raccontano poco di come sarà la gara. Un trail di 25km con 1500 metri di dislivello positivo potrebbe essere molto corribile con sentieri larghi e nessuna difficoltà tecnica. O viceversa avere tratti esposti con salite e discese molto tecniche così da far risultare le due gare, che sulla carta sembravano all'inizio simili, completamente diverse.
Ma la prima edizione di un trail è sempre un'emozione anche perchè magari ci sarà qualche "inghippo": ad esempio l'organizzazione potrebbe fatto male i calcoli dei rifornimenti ai ristori o il balissaggio non potrebbe non essere perfetto o i chilometri finali potrebbero essere diversi da quanto indicato. E qui, a far superare tutti i problemi che potrebbero insorgere, dovrebbe intervenire lo "spirito trail" dei partecipanti  – ovvero quel mix unico di esperienza, rispetto dell'ambiente, fair play e solidarietà unita alla capacità di resistere e di divertirsi (malgrado la fatica disumana!).
Pensavo a tutto questo domenica 8 Luglio quando stavo allegramente correndo la prima edizione del Celtic Trail, https://www.ultratrailviadeglidei.com/celtictrail,  l'ultimo nato nella famiglia della UTVdD  Ultra Trail Via degli Dei https://www.ultratrailviadeglidei.com/ E pensavo soprattutto al fatto che ho tenuto a battesimo tutti e tre i trail che il team ha inaugurato negli ultimi anni (Ultra Trail Via degli Dei, Trail della Flaminia Militare e infine questo Celtic Trail). E gli organizzatori riescono sempre a stupirmi per la loro bravura e per la loro straordinaria capacità di valorizzare il loro territorio raccontando la storia millenaria dei loro sentieri.
Il Celtic trail non fa eccezione come avrete già capito dal nome. Anzi questa volta gli organizzatori si sono davvero superati da questo punto di vista, posizionando la partenza all'interno dell'area archeologica del Monte Bibele http://www.montebibele.eu/it/home e facendo passare i primi chilometri proprio in mezzo ai resti di un antichissimo villaggio abitato da etruschi e celti. Anzi per sottolineare ancora di più questo aspetto, al posto del solito start hanno deciso di dare la partenza al suono di un corno celtico grazie al soggetto che potete vedere assieme a me nella foto.
A livello di percorso dobbiamo dire che i primi 20km sono molto corribili grazie ad un bellissimo giro ad anello che passa attraverso sentieri immersi nei boschi e crinali delle colline da cui si apre un meraviglioso panorama. Arrivati nel pressi di Bisano (20km circa) c'è un punto acqua dell'organizzazione. Rido e scherzo con i volontari perché oggi il mio obiettivo è quello di godermi questi panorami e l'accoglienza unica delle persone di questa vallata. Parto dal ristoro felice, mangiando una buonissima pesca (la frutta fresca trovata ai ristori è un altro dei punti di eccellenza di questo trail). Sorrido perché guardando la mappa del percorso che ho nel pettorale vedo che il prossimo ristoro è tra meno di 4km. Ma che esagerati!!! Penso.
E mentre sorrido mi trovo davanti ad una salita all'inizio impegnativa, poi difficile e che dopo alcuni metri si trasforma praticamente in un muro verticale. L'avevano detto al briefing che la gara si sarebbe decisa dopo il 20esimo chilometro. Ma non mi ero preoccupato: dicono sempre così. E invece questa volta quello che fino a pochi metri prima era un placido e facile trail collinare si trasforma in una specie di gara d'abilità di quelle che si vedono in tv. Alzo gli occhi: il sentiero è diventato una implacabile salita in linea retta che arriva alla sommità di un colle. Oltre ad essere ripida, dritta la salita è fatta di rocce lisce che la rendono più simile a una falesia che non ad un sentiero trail... insomma che bellezza! Adesso sì che ci si diverte.
Passo il primo colle e il sentiero si fa un po' pianeggiante. Ma è solo per pochi metri: ecco una salita identica a quella di prima liscia, verticale, cattiva. E si va avanti così fino a quando trovo la discesa: scivolosa per la polvere, ripida e cattiva anche lei. Insomma i 4kmn tra un ristoro e l'altro sono davvero il momento in cui la gara cambia volto!







Passato il ristoro del 24km (che è il monte Bibele dove siamo partiti) il percorso ritorna ad essere "umano" con un paio di belle salite che portano alle pendici del Monte delle Formiche e che poi deviano verso l'arrivo situato a Monterenzio, nel bosco dove si sta tenendo il Festival della Cultura Celtica "I fuochi di Taranis" http://www.monterenzioceltica.it
E indovinate? Al posto della medaglia mi danno un bellissimo corno di coccio (tipico bicchiere celtico) riempito di birra ghiacciata.
In sintesi anche questa prima edizione del Celtic Trail è stato un vero successo: balissaggio perfetto, percorso molto divertente con pezzi molto corribili alternati a passaggi tecnici. Ristori collocati strategicamente (quei 4km non erano poi pochi vista la difficoltà di quel tratto) e "terzo tempo" unico con uno dei migliori pasta party a cui abbia mai partecipato. Organizzazione impeccabile.
Risultati: circa ottanta gli atleti in gara. Matteo Moncelli, vince con il tempo di 4:00:45. Secondo Roberto Brigo (4:10:07). Terzo Massimiliano Paoli (4:13:35). In campo femminile vince Francesca Muzzi, 4:15:58 che oltre alla vittoria gli vale il quarto posto nella classifica assoluta. Seconda Giulia Brigo, (4:26:34) e terza Chiara Angeli (4:38:28)

mercoledì 4 luglio 2018

Trail LaThuile - sabato 30 giugno 2018




Quest'anno gli organizzatori dei trail non hanno avuto di certo vita facile. Il brutto tempo, la pioggia, i temporali e la grande quantità di neve caduta in montagna li hanno infatti spesso costretti a posporre le gare, a cambiare percorsi o nei casi peggiori ad annullare gli appuntamenti (come ad esempio è successo al Cro-Magnon- da me corso nel 2010 e 2012).
Ma questo succedeva settimane fa. Adesso, oramai alla fine di Giugno, pensavo che la  situazione si fosse "normalizzata" e invece… E invece il bello dei trail è anche questo: ovvero è sempre la montagna con le sue condizioni ad essere determinante e niente può essere dato per scontato. Ecco quindi che sabato 30 giugno – in una giornata che definire caldissima è poco – si è disputata la terza edizione del La Thuile Trail https://www.lathuiletrail.com/ con un percorso alternativo vista la presenza ancora abbondante di neve nel percorso originale.

Entrato quest'anno a far parte del circuito Tour Trail VDA https://www.tourtrailvda.com/,   il La Thuile Trail ha visto oltre 230 runners ritrovarsi nel centro della località valdostana per sfidarsi in questa gara di 25km e 1500 di dislivello positivo. E tra questi c'ero anch'io. Alla prima edizione nel 2016 ero rimasto affascinato dal percorso di questo trail (come ho raccontato qui http://maxmartaoutdoor.blogspot.com/2016/06/trail-la-thuile-02-luglio-2016-weekend.html ). Questa volta invece ero curioso di capire dove mi avrebbero fatto passare gli organizzatori, visti i problemi di neve di cui parlavo prima.
La partenza è stata subito molto veloce malgrado lo strappo iniziale che porta verso Thovex dove al posto di girare verso destra, verso il sentiero che porta i vecchi ingressi minerari come mnel perocorso originale, si svolta a sinistra. Da qui parte un tratto molto corribile che arriva fino a Petosan dove c'è il primo rilevamento orario. Il tracciato a questo punto rientra verso La Thuile e qui devo fare davvero i complimenti agli organizzatori che hanno creato ad hoc tratti di congiunzione tra i vari sentieri in modo tale da realizzare questo nuovo giro. Anche se in realtà il duro lavoro di pulizia e manutenzione dei  sentieri  si è visto lungo tutto il percorso, segno di tanto amore e dedizione degli abitanti di questi luoghi. 


Dopo un bellissimo tratto in mezzo ai boschi, si arriva al fortino di Plan Praz (2050m) e qui non si può non dedicare un momento alla contemplazione del Monte Bianco che si erge in tutta la sua maestosità proprio davanti ai miei occhi. Il sentiero adesso scende verso una strada poderale dove trovo il punto ristoro (che come sempre nei trail valdostani è pieno di ogni prelibatezza dalla mocetta alla fontina, dal cioccolato alla frutta). Da qui si percorre il sentiero delle Miniere di Argento e accidenti qui il tracciato diventa davvero impegnativo per i constanti sali e scendi. Un infinito e continuo susseguirsi di brevi e ripidi strappetti seguiti da ripide discese di pochi metri che ti fanno sentire come se fossi sulle montagne russe!
Sarà stato l'impegno muscolare richiesto nel tratto appena descritto o il caldo che è diventato davvero insopportabile, sta di fatto che arrivo a La Joux ovvero all'imbocco dell'ultima salita davvero provato. E la salita verso Les Suches diventa per me davvero impegnativa. Meno male che piccoli ruscelli di acqua fresca incrociano il sentiero e riesco così a dissetarmi e a rinfrescarmi buttandomici letteralmente dentro. Ecco se devo fare un piccolo appunto agli organizzatori è proprio qui: visto il grande caldo forse sarebbe stato opportuno prevedere un altro punto acqua lungo il tracciato. 

Arrivo provato al secondo rilevamento orario posto al 18° e inizio il lungo falsopiano che porta verso Les Suches, Da qui finalmente mi rimetto a correre soprattutto nei bellissimi 5km di discesa verso La Thuile. All'arrivo come sempre la festa è grande! Pasta party e la consueta estrazione dei premi che caratterizza i trail valdostani premiando in pratica tutti i partecipanti.
Per quanto riguarda la classifica: vince Henri Aymonod, 2h 40'26", secondo Mattia Colella in 2h 42'38", terzo Marco Béthaz, 2h 49'01". Podio femminile per Benedetta Broggi 3h 07'13", seconda Valentina Pippo, in 3h 25'50"e terza Sylvie Thomasset in 3h 40'31" 
In sintesi la terza edizione del La Thuile Trail è stata davvero una bella gara. Plauso per gli organizzatori che sono riusciti a non spostare la data, creando un nuovo percorso: davvero bravi!