lunedì 14 marzo 2016

Sci Alpinistica, "Arp Vieille" da Bonne, Sabato 12 Marzo 2016

Sulla strada, all'incrocio con Planaval




Partendo da Courmayeur, si scende per la Statale verso Arvier e si seguono le indicazioni per Valgrisenche. Si supera il bivio per Planaval e a Valgrisenche quello per il Foyer e si sale a destra verso Bonne. Avevo già percorso questa strada quest'estate da già fatta per raggiungere la partenza Trek di Valgrisenche bellissima corsa organizzata molto bene e che ripercorre alcuni dei luoghi più belli di questa vallata spelndida (http://www.trekvalgrisenche.com/). 
 
Bonne si è rivelato un HUB per l’Eliski. E' da lì che stazionano i Minivan di Pellissier e al locale albergo alloggiano appassionati provenienti da Norvegia, Austria, Belgio, Olanda e Gran Bretagna. Probabilmente anche grazie all'esposizione della gita odierna, oggi si sentono meno i rumori degli elicotteri e visto che il sole picchia forte e gli Eliski si dirigono verso pareti meno esposte, come ad esempio quella sull'altro fianco della vallata dove spicca “il Sigaro” (di cui vi ho parlato nel mio precedente post)
 
Il mio Suunto arriva a segnare un +30° e si sale in maniche corte o dovutamente rimboccate: fattore vincente si rivelerà la crema solare protezione 50!
 
Grazie alla costanza delle gite di scialpinismo in Valle, in quest’annata particolarmente fortunata per gli appassionati locali, si sale serenamente ammirando il panorama. La vista è davvero incredibile e lascia intravedere a Est il Cervino, a Ovest le montagne francesi immediatamente al di là del confine e a Nord il Ruitor che compare all'improvviso mentre si risale la dorsale prima dell’arrivo: per fortuna la calma non mancava e le soste per le foto non sono state abolite.
 
La discesa in una neve sicuramente più pesante rispetto alla scorsa settimana, vedi sopra caldo ed esposizione, rende il rientro un po’ più faticoso e meno piacevole delle aspettative.
 
Se ne approfitta per una sosta panino, forse più lunga del dovuto, dopo la quale mi dimentico di far ripartire il Suunto, senza neanche poter dare la colpa al Genepy, purtroppo rimasto fuori dallo zaino!
 
A fine gita, riposti sci e scarponi, piacevole recupero sulla terrazza assolata del locale albergo con i tanti allegri e abbronzati stranieri che raccontavano delle loro avventure con l’Eliski!



 



Vista sule cime francesi ad Ovest




l'Arp Vielle da metà discesa

Il Ruitor si affaccia sulla sinistra durante l'ascesa lungo la dorsale


















La traccia è la seguente: http://www.movescount.com/moves/move96947880 o scrivetemi in caso di mancata visualizzazione. Defaticamento del giorno seguente, Col Fetita da Morge, fintanto che la nebbia lo ha permesso: http://www.movescount.com/moves/move96947860.


Suunto Movescount