giovedì 14 aprile 2016

"Provato per voi": Suunto Ambit 3 Vertical

Getting ready for Skimo


La gamma Suunto è molto ampia e affidabile, anzi direi che gli apparecchi sono anche tutti molto belli! Ma una premessa è necessaria e doverosa: prima di fare qualsiasi acquisto in merito a strumentazione che vi servirà in montagna, o nella corsa, o nel triathlon, fate sempre una dovuta e attenta indagine. In particolare per quanto riguarda il GPS: chiedetevi sempre come lo volete usare. Siete degli appassionati di trail brevi e veloci e di vertical? Oppure vi dedicate alle distanze ultra e ai trekking che durano più giorni? Esistono Suunto che hanno nomi simili, ma caratteristiche molto diverse tra loro: e questo è un vantaggio per gli appassionati.

Un esempio è il nuovo Suunto Ambit 3 Vertical: è più leggero rispetto agli altri della famiglia Suunto Ambit 3, perché l’utilizzatore ideale è un Trail Runner amante delle Sky Race e delle distanze medio/brevi, ma non certo delle Ultra o di traversate in montagna di più giorni. L’utilizzatore tipo di questo specifico modello può essere un amante delle sci alpinistiche di un giorno, ma non ad esempio delle lunghe percorrenze in stile Chamonix-Zermatt.

Per soddisfare il trail runner di velocità, si è giustamente eliminato il peso ridondante, ma dobbiamo riferire che dopo circa 15 ore di autonomia e ottima precisione...bisogna poi ricaricare la batteria e questo in montagna non è sempre possibile, ça va sans dire! Ma procediamo con ordine.

1. Appena ricevuto il Suunto Ambit 3 Vertical  l’ho messo al polso, e ho subito provato un’ottima sensazione a pelle sia del cinturino che della fascia cardio, entrambi in silicone: novità introdotta proprio per questo modello.

2. Il nuovo Suunto Ambit 3 Vertical si sincronizza tramite MovesLink alle impostazioni del Suunto precedente (nel mio caso Suunto Ambit 3 Peak/Nepal) presenti in MovesCount: inclusi gli sport preferiti che si vuole appaiano sull'orologio e le caratteristiche del profilo personale (data di nascita, peso, etc). Ma degli sport preferiti, ovvero quelli che appaiono effettivamente sull'orologio, non prende le schermate impostate bensì quelle standard. Si devono pertanto aprire a video due distinti MovesCount e selezionare su uno il Suunto precedente come promemoria, e sull'altro il Suunto Ambit 3 Vertical, e poi replicare le impostazioni sport per sport.

3. Posso poi caricare sul nuovo Suunto Ambit 3 Vertical  le mie “tracce” già presenti su MovesCount in maniera semplicissima e intuitiva

4. Viste le caratteristiche dell’utilizzatore di cui sopra, sul Vertical non sono disponibili le funzioni ambientali come Temperatura e Pressione Atmosferica che per le Ultra invece sono informazioni importanti. Non c’è quindi neanche lo Storm Alert a differenza dell’Ambit 3 Peak/Nepal. Durante il test in montagna (un percorso di sci alpinismo di due giorni con pernottamento in rifugio), onestamente avrei preferito averli.

5. Durante il primo test di corsa, si apprezza subito la Vibrazione per l’Auto-Lap nitida e chiara, meglio che per l’Ambit 3 Peak/Nepal, anche i tasti sono più reattivi.

6.  La visualizzazione del grafico dell’altimetria del “percorso” pre-caricato a video e di quello in corso sono molto efficaci. Piace anche la rappresentazione grafica del percorso una volta conclusa l’attività e salvato lo stesso.

7.  Abbinando la fascia cardio al Suunto Ambit 3 Vertical, è poi più precisa l’analisi della fase di recupero, che fino ad oggi ottenevo comunque come indicativa con l’Ambit 3 Peak/Nepal anche senza la fascia.

8. Altro vantaggio del Suunto Ambit 3 Vertical è che a breve sarà disponibile, oltre al sistema GPS, anche quello GLONASS per una ulteriore e alternativa localizzazione.

9. Per i nuotatori, da non trascurare che la fascia cardio è utilizzabile anche in acqua: potete quindi evitare di contare le pulsazioni con le due dita sul collo dopo ogni ripetuta! A fine allenamento, seduti sul bordo vasca, potete ammirare come il Suunto e la fascia si connettono e gestiscono lo scarico puntuale delle pulsazioni per ogni singolo istante e fase dell’allenamento.

Ricordate quindi: decidete voi in anticipo le caratteristiche che volete che il vostro Suunto abbia, e sicuramente grazie ad una ricerca attenta e mirata riuscirete a trovare il modello più adatto alla vostre esigenze. - See more at: http://www.actionmagazine.it/provato-per-voi/20160407188-suunto-ambit-3-vertical/#sthash.Tim2KtKZ.dpuf



Tracciando il percorso al Tour du Rutor 2016

Con il braccialetto Staff e il Suunto Vertical

Dal Rifugio Vittorio Emanuele in direzione Gran Paradiso

Salendo verso il Gran Paradiso